Tutti gli articoli di Protezione Civile

14/06/2021 – Emergenza epidemiologica da COVID-19: Piemonte in zona bianca

Come stabilito da specifica ordinanza del Ministro della Salute nella Regione Piemonte si applicano, a partire da lunedì 14 luglio, le misure della “zona bianca”.

Il presidente Alberto Cirio ha firmato un’ordinanza che comprende tutte le riaperture possibili in Piemonte in vigore fino al 31 luglio prossimo.

Le riaperture consentite comprendono i parchi tematici e di divertimento, anche temporanei (attività di spettacolo viaggiante, parchi avventura e centri d’intrattenimento per famiglie), le piscine e i centri natatori in impianti coperti, i centri benessere e termali, i centri culturali, sociali e ricreativi, le sale giochi e scommesse e le sale bingo. L’elenco comprende pure le feste private anche conseguenti a cerimonie civili e/o religiose all’aperto e al chiuso, le sagre e le fiere locali, le grandi manifestazioni fieristiche, i congressi e i convegni, i corsi di formazione, gli eventi sportivi aperti al pubblico che si svolgono al chiuso. Possono riaprire anche le sale da ballo e le discoteche, ma solo per le attività di bar e ristorazione, mentre non è ancora consentito ballare.

Su tutte le riaperture e le attività consentite si applicano le linee guida e le norme di contenimento e sicurezza previste a livello nazionale.

Link:

 

07/06/2021 – Campagna estiva antincendi boschivi 2021: raccomandazioni

La Regione Piemonte ha divulgato le raccomandazioni finalizzate al contrasto agli incendi boschivi per la stagione estiva 2021 facendo seguito alle indicazioni diffuse sulla medesima tematica dal Presidente del Consiglio dei ministri.

La Regione ha ricordato come nello scorso mese di marzo sia stato approvato il nuovo Piano regionale per la programmazione delle attività di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi che descrive i processi tecnici, organizzativi ed amministrativi necessari alla protezione del territorio forestale dagli incendi.

Il dispositivo antincendi boschivi regionale si avvale della partecipazione del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, Carabinieri Forestale e Corpo Volontari AIB del Piemonte. È inoltre disponibile un servizio elicotteri regionale a supporto dei mezzi terrestri che si aggiunge alla flotta aerea antincendio dello Stato.

In tema di prevenzione apposite linee guida disciplinano, dall’anno 2019, gli interventi svolti dal volontariato finalizzati alla manutenzione del territorio mentre per quel che concerne la previsione del rischio è disponibile apposito bollettino emesso dal centro funzionale di ARPA Piemonte; sulla base di tale bollettino e del perdurare delle condizioni di elevato rischio la Regione dichiara lo Stato di massima pericolosità incendi boschivi durante il quale sono attivi i divieti stabiliti dall’art. 10 – comma 7 della LR 15/2018.

Tutte le componenti e strutture operative sono invitate ad assicurare la massima collaborazione per la riuscita della campagna antincendi boschivi e ad attuare le attività di propria competenza; anche i cittadini devono collaborare assumendo comportamenti corretti nei confronti del rischio: in particolare la responsabilità dei residenti ha un grande importanza negli incendi di interfaccia con riferimento alla corretta gestione delle aree verdi intorno alle abitazioni.

Link:

 

04/06/2021 – Aggiornamento chiusure strade provinciali

La Provincia di Cuneo aveva disposto la chiusura di alcuni tratti di strade provinciali per ragioni di sicurezza legate alla stagione invernale.

Si riporta nel seguito la situazione delle chiusure / aperture alla data del 4 giugno:

N° SP TRATTO STATO ORD. RIAPERTURA
SP 246 Montoso – confine provinciale aperta scarica
SP 234 Crissolo (Km 5+200) – Pian del Re aperta scarica
SP 251 Chianale (Km 5+000) – Colle dell’Agnello aperta scarica
SP 304 Vignolo – Santuario di San Maurizio aperta scarica
SP 255 Frazione Aie – Colle della Lombarda aperta con limitazioni scarica
SP 239 Tetti Gaina – Terme di Valdieri aperta con limitazioni scarica
SP 301 Diga Piastra – San Giacomo di Entracque aperta con limitazioni scarica
SP 154 Upega (Km 17+000) – confine regionale chiusa

Con riferimento alla SP 154 si informa che ne è prevista la riapertura nei prossimi giorni.

01/06/2021 – Aggiornamento chiusure strade provinciali

La Provincia di Cuneo aveva disposto la chiusura di alcuni tratti di strade provinciali per ragioni di sicurezza legati alla stagione invernale.

Si riporta nel seguito la situazione delle chiusure / aperture alla data del 1 giugno:

N° SP TRATTO STATO ORD. RIAPERTURA
SP 246 Montoso – confine provinciale aperta scarica
SP 234 Crissolo (Km 5+200) – Pian del Re chiusa
SP 251 Chianale (Km 5+000) – Colle dell’Agnello chiusa
SP 304 Vignolo – Santuario di San Maurizio aperta scarica
SP 255 Frazione Aie – Colle della Lombarda aperta con limitazioni scarica
SP 239 Tetti Gaina – Terme di Valdieri aperta con limitazioni scarica
SP 301 Diga Piastra – San Giacomo di Entracque aperta con limitazioni scarica
SP 154 Upega (Km 17+000) – confine regionale chiusa

Con riferimento alla SP 154 si informa che ne è prevista la riapertura nei prossimi giorni.

26/03/2021 – Stato massima pericolosità incendi boschivi

La Regione Piemonte, con Determina Dirigenziale n. 788 del 24/03/2021, ha dichiarato lo stato di massima pericolosità per incendi boschivi a partire dal giorno 26 marzo 2021 su tutto il territorio del Piemonte. La cessazione sarà stabilito con successivo provvedimento.

Si ricorda che, ai sensi dell’art. 10 – comma 7 della LR 15/2018, nei periodi in cui viene dichiarato lo stato di massima pericolosità per gli incendi boschivi:

  • non sono ammesse le deroghe di cui al comma 4 del medesimo art. 10 della LR 15/2018;
  • sono vietate, entro una distanza di cento metri dai terreni boscati, come definiti dall’articolo 3 della LR 4/2009, arbustivi e pascolivi, le azioni determinanti anche solo potenzialmente l’innesco di incendio, quali: accendere fuochi, accendere fuochi pirotecnici, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, usare apparati o apparecchiature che producano faville o brace, fumare, disperdere mozziconi o fiammiferi accesi, lasciare veicoli a motore incustoditi a contatto con materiale vegetale combustibile o compiere ogni altra operazione che possa creare comunque pericolo mediato o immediato di incendio;
  • è vietata qualunque generazione di fiamma libera non controllabile nel tempo e nello spazio.