Archivi tag: Allerta Meteo

02/12/2017: Evento neve e pericolo valanghe – aggiornamento

Secondo le previsioni di ARPA Piemonte nel corso del pomeriggio odierno comincerà una rimonta dell’alta pressione atlantica sulle regioni occidentali del continente, ciò convoglierà correnti secche da nord sulla nostra regione che favoriranno un ripristino del bel tempo, ma con temperature minime in netto calo domani.
Sul cuneese è prevista un’attenuazione dei fenomeni nevosi nel corso del pomeriggio ed esaurimento in serata.

Con riferimento alle precipitazioni nevose verificatesi dal pomeriggio di ieri si sono determinati accumuli anche di notevole spessore sui versanti a tutte le esposizioni. Sui settori del Cuneese la nuova neve poggia con scarsa aderenza su un manto nevoso preesistente costituito da lastroni duri e lisci o da cristalli sfaccettati; è quindi attesa una significativa attività valanghiva con molte valanghe di medie dimensioni e locali grandi valanghe che potrebbero raggiungere il fondovalle e interrompere la viabilità o interferire con i servizi.

Scarica:
Bollettino di allerta meteo-idrologica
Bollettino nivologico per rischio valanghe

08/02/2017 SS N.21 DEL “COLLE DELLA MADDALENA” – CHIUSURA TRA ARGENTERA E CONFINE STATO

L’Anas informa che, a  seguito della decisione del Conseil Départemental des Alpes de Haute Provence di interdire la circolazione sul versante francese del Col de Larche/Colle della Maddalena e vista la convenzione stipulata tra Anas S.p.A. e il Conseil Départemental Alpes de Haute-Provence, protocollo n. cto-0025260-A  del 02/11/2016,  a causa di un’intensa nevicata  nel tratto compreso tra Argentera (km 51+000) e il confine di Stato (km 59+708) della SS 21  “del Colle della Maddalena” è istituito il divieto di transito a tutte le categorie di veicoli ed in entrambe le direzioni di marcia.

28/11/2016 – Strade chiuse causa maltempo #procivcn

A seguito delle intense precipitazioni sono state chiuse le seguenti strade:

strada N. Tronco
S.P. 35 Roburent – Serra
S.P. 154 Ponte di Nava – Viozene – Upega
S.P. 162 Bossolasco – Bivio SP 339
S.P. 164 Bivio Tetti Casotto – Pamparato
S.P. 207 Faule – Pancalieri
S.P. 213 Calizzano Valsorda
S.P. 216 Cantarana – Caprauna
S.P. 246 Bagnolo Loc. Villar – Montoso (chiusa per frana)
S.P. 258 Clavesana – Ghigliani
S.P. 288 Corsaglia – Pra di Roburent
S.P. 295 Saliceto – Camerana
S.P. 302 Mù Luscheia
S.P. 330 Viola-San Grèe-Pamparato
S.P. 343 Sale Langhe – Bivio S.P. 661
S.P. 354 Loc.Colma di Prunetto-Gottasecca
S.P. 360 Corsagliola

 

24/11/2016 – ALLERTA METEO: riunione CCS (Centro Coordinamento Soccorsi) in Prefettura #procivcn

A seguito del peggioramento delle condizioni meteo e del perdurare delle stesse almeno fino alla tarda mattinata di domani 25 novembre ed in considerazione dei bollettini di allerta e monitoraggio che indicano un importante incremento dei livelli dei corsi d’acqua anche oltre le soglie di pericolo si è nuovamente riunito, presieduto dal Prefetto, il CCS (Centro Coordinamento Soccorsi) che ha disposto l’attivazione dei COM di Alba, Ceva e Mondovì per la gestione locale delle criticità e dei conseguenti provvedimenti da adottare per la tutela della pubblica incolumità.

Permane aperta la Sala Operativa congiunta Prefettura – Provincia di Cuneo fino a cessate esigenze, contattabile ai seguenti numeri: 0171/65641 (tel e fax) – 0171/445229.

Stante la situazione di criticità in atto si invita la popolazione a non mettersi in viaggio nella Provincia se non per assoluta necessità e a non sostare nelle zone adiacenti ai fiumi e corsi d’acqua, evitando di rimuovere transenne e/o segnali di interdizione al transito.

Si prega altresì di seguire le notizie sui siti istituzionali della Regione Piemonte e della Provincia di Cuneo per quanto attiene l’aggiornamento continuo della situazione in atto, compresa la chiusura/interruzione al transito della viabilità.

Attualmente sono interdette al transito tutti i principali tratti di viabilità sia provinciale che di competenza statale in tutta l’alta valle Tanaro e nelle vallate limitrofe.

Nel corso della riunione è stata concordata di invitare i Sindaci della Provincia a valutare l’opportunità di chiudere le scuole di ogni ordine e grado in relazione alle criticità locali.

Scarica:

23/11/2016 – Allerta rossa sulle zone alpine e prealpine occidentali#procivcn

Il Centro Funzionale di ARPA Piemonte ha aggiornato le previsioni sull’ondata di maltempo che sta interessando la Regione Piemonte. Una vasta area depressionaria di origine scandinava sta determinando un intenso flusso di correnti umide, con associate precipitazioni diffuse ed abbondanti su tutta la regione; domani i flussi si intensificano ulteriormente a tutte le quote, con un conseguente aggravamento della fenomenologia su tutta la fascia alpina e fino agli sbocchi vallivi tra Alpi Graie e Liguri. Un graduale miglioramento con un’attenuazione delle precipitazioni è atteso solo nel corso del pomeriggio di venerdì a partire da sud. Variabile sabato, con deboli precipitazioni sparse fino al primo pomeriggio.

Il Bollettino di allerta meteo-idrologica reca un livello di criticità elevata (ROSSA) per la zona “D – Valle Po”, moderata (ARANCIONE) per le zone “F – Valle Tanaro” / “G – Belbo e Bormida” / “L – Roeri” / “M – Pianura cuneese” e ordinaria (GIALLA) per la zona “E – Valli Varaita-Maira- Stura”.

La protezione civile della Regione Piemonte ha disposto l’apertura H 24 della propria Sala operativa per monitorare costantemente l’evolversi dei fenomeni e coordinare gli eventuali interventi, è stata inoltre autorizzata l’applicazione dei benefici di legge per l’attivazione del volontariato. La Provincia di Cuneo ha attivato in pronta disponibilità tutto il personale dei settori viabilità per gli interventi di competenza e disposto l’apertura dell’Ufficio protezione civile fino alle ore 24:00 di oggi, mercoledì 23 novembre, e, a partire dalle ore 07:00 di domani, 24 novembre, in modo continuativo e quindi anche in orario notturno fino a cessata esigenza.

Gli Uffici di protezione civile della Regione Piemonte, della Provincia e della Prefettura si mantengono in costante contatto, anche con il territorio, per il monitoraggio dell’evoluzione dell’evento.

Scarica: